Gagliano, Tascone e Millico: il Foggia degli ex LGI non sbaglia più un colpo

Sesta vittoria nelle ultime otto giornate per la squadra di Cudini, attualmente decima in classifica.
26.03.2024 12:30 di Stefano Rossoni   vedi letture
©️Instagram/v.millico22
©️Instagram/v.millico22

Il Foggia vince con un netto 3-0 a Messina e conquista il suo quarto risultato utile consecutivo in campionato. Un periodo di forma straordinario per i rossoneri, che nelle ultime 8 giornate hanno collezionato ben 19 punti, perdendo solamente la partita con il Benevento. 

Un successo importante per la squadra di Cudini che riguarda, in qualche modo, anche La Giovane Italia. Chi ci conosce da tempo, sa di cosa stiamo parlando: tutti e tre i marcatori del match sono ex LGI, avendo infatti partecipato alle scorse edizioni dell'Almanacco. Andiamo dunque a ripercorrere le carriere e i traguardi fin qui raggiunti, soffermandoci (chiaramente) sulle loro esperienze in ambito giovanile. 

Gagliano è stato inserito sulle nostre pagine nel 2017 e nel 2019. Il periodo a cui facciamo riferimento è quello nel vivaio del Cagliari, nel quale milita fino al 2020. Inizia a catturare la nostra attenzione durante il campionato Under 17, dove mette a segno ben 10 reti in poco più di 20 partite: tra queste, va menzionata la doppietta realizzata al Brescia a inizio 2017. Ottimo impatto anche nella squadra Primavera, che trascina fino alla promozione nella categoria superiore: è decisivo, infatti, con una straordinaria doppietta nella semifinale contro il Bari. Il debutto in Serie A arriva nella stagione 2019/2020, condizionata dall'emergenza Covid; il 23 luglio fa il suo ingresso in campo contro la Lazio mentre 6 giorni dopo, con la Juve, sigla la sua prima rete nel campionato

Due presenze sull'Almanacco anche per Tascone, "selezionato" da La Giovane Italia nel 2015 e 2016. In questo caso parliamo di esperienze nel centro-Italia, come evidenziato dalle presenze nella Ternana Primavera. Dopo soltanto una stagione, diventa capitano della formazione di mister Avincola e arriva anche a debuttare in Serie B nell'ultima giornata della stagione 2015/2016 contro il Brescia. Non ha mai esordito in A, ma nel suo "curriculum" può comunque vantare più di 200 gare disputate nei campionati professionistici italiani. 

Chiudiamo con Millico, che tutti ricorderanno nella sua importante avventura al Torino. L'attaccante classe 2000 è stato protagonista di ben 5 edizioni dell'Almanacco: dal 2014 al 2019, ad eccezione del 2015. I numeri registrati con la maglia granata sono incredibili; l'esempio forse più eclatante sono le 18 reti realizzate nel campionato Under 17, dove la squadra di Sesia raggiunge le semifinali scudetto perdendo poi, ai calci di rigore, contro l'Atalanta di Kulusevski. Senza dimenticare i risultati raggiunti più avanti, come le vittorie di Coppa Italia e Supercoppa Primavera; ricordiamo infatti che nel campionato Primavera 1 arriva a segnare 31 gol in 41 partite: pazzesco! In Prima Squadra, invece, colleziona in tutto 21 presenze, tra Serie A, Coppa Italia e qualificazione all'Europa League: va a segno nel 4-1 contro il Debrecen, ma il Torino non riuscirà comunque a qualificarsi a causa della doppia sconfitta con il Wolverhampton. Diverse presenze anche con le Nazionali Under: l'ultima gara risale a dicembre 2018, quando l'Under 19 di Guidi perse (a a sorpresa) con la Georgia.