È Claudio Giardino l'MVPlayer LGI di Sassuolo-Juventus, diciannovesima giornata del girone A

nel 3-0 bianconero l'attaccante classe 2007 ha realizzato due reti. Una doppietta che permette al centravanti di salire a quota 8 reti in campionato.
25.02.2024 19:00 di Simone Cristiano   vedi letture
È Claudio Giardino l'MVPlayer LGI di Sassuolo-Juventus, diciannovesima giornata del girone A

La Juventus fa suo il big match della diciannovesima giornata contro il Sassuolo e continua il suo dominio in campionato. Il 3-0 maturato al Mapei Football Center permette alla squadra di Rivalta di portarsi a +9 dal secondo posto, occupato proprio dai ragazzi di mister Neri. Nonostante il primo tempo sia stato abbastanza equilibrato, la Juventus è riuscita comunque a chiudere ad andare al riposo sul 2-0 grazie alle reti di Lontani e Giardino. Da segnalare, inoltre, l’errore dal dischetto da parte di Chiricallo: bravissimo l'estremo difensore Marcu a neutralizzare il tiro. Nella ripresa i bianconeri non fanno altro che gestire il match trovando anche la rete del 3-0 sempre con Giardino.

Migliore in campo ovviamente il numero 9 bianconero Claudio Giardino. Per il classe 2007 le due reti realizzate oggi hanno rappresentato una sorta di liberazione per l’attaccante, che non segnava dalla partita giocata contro la Cremonese più di un mese fa. Giardino sale a quota 8 gol in campionato diventando il secondo miglior marcatore della stagione (meglio di lui solo Leone con 10 reti). Entrambe le marcature di pregevole fattura: nella prima è bravissimo a staccare più in alto di tutti depositando il pallone in porta di testa mentre nella seconda calcia di prima intenzione con il destro.

Ovviamente da elogiare anche tutto il suo lavoro fatto spalle alla porta: un continuo punto di riferimento per tutti i compagni quando è necessario verticalizzare o alzare il baricentro. Ottima, inoltre, l’intesa mostrata con gli altri due attaccanti di oggi Sosna e Leone.

La sua splendida partita termina all’80’, con mister Rivalta che decide di richiamarlo in panchina. Al suo posto dentro Bibishkov, rientrato oggi dopo un infortunio alla caviglia.