Andrea Olivieri, la sua rovesciata da sogno regala al Venezia il secondo posto

Una rete allo scadere dell'attaccante ex Juve e Perugia consente alla squadra di Paolo Vanoli di ritornare appena sotto al Parma in classifica.
26.02.2024 14:30 di Stefano Rossoni   vedi letture
©️Instagram/marco_olio11
©️Instagram/marco_olio11

Il Venezia conquista una vittoria importantissima contro il Pisa, che le consente di scavalcare tutte le rivali (Cremonese, Palermo e Como) e ritornare nuovamente al secondo posto. 

Tutto merito della prodezza di Marco Olivieri: una rovesciata strepitosa, su cui Nicolas non ha potuto veramente nulla, se non soltanto ammirare. L'urlo liberatorio al 92' è quello di un giocatore che non esultava per un gol (tolta la Primavera 2 di quest'anno) dal lontano 14 gennaio 2023, in un pirotecnico 3-3 tra il "suo" Perugia e il Palermo. Complici alcuni infortuni rimediati sia nella scorsa stagione che in quella attuale, Olivieri è stato spesso costretto a seguire le partite dalla tribuna, nonostante la voglia di entrare in campo e dare il proprio contributo fosse chiaramente evidente.

Complimenti più che meritati per l'attaccante cresciuto nel settore giovanile dell'Empoli e che proprio in quel periodo venne "convocato" sulle pagine del nostro Almanacco, precisamente dal 2014. Protagonista con il club toscano in tutte le formazioni Under, ricordiamo ad esempio lo scudetto sfiorato nella stagione 2014/2015, dove va a segno contro la Roma ma sono i giallorossi a trionfare nei tempi supplementari; così come la finale persa al Torneo di Viareggio del 2017 contro il Sassuolo di Scamacca, in questo caso ai calci di rigore.

Numerose presenze anche con la maglia della Nazionale. Spiccano le partecipazioni all'Europeo Under 17 ma soprattutto al Mondiale Under 20, dove l'Italia si classifica al quarto posto dopo il ko nella "finalina" contro l'Ecuador. In quella squadra possiamo menzionare giocatori attualmente in Serie A come Pellegrini, Frattesi, Pinamonti, Gabbia, Buongiorno, Bellanova, Colpani, Carnesecchi e Scamacca, già citato in precedenza.

Buone notizie, dunque, in casa Venezia, chiamata però a "dimenticare" il passato e concentrarsi sul presente: mercoledì, infatti, è già tempo di tornare in campo.