Alessio Castellini, il giovane leader del Catania

Difensore classe 2003, è stato grande protagonista dell'ultima partita contro la Juve Stabia siglando una clamorosa doppietta.
22.02.2024 11:00 di Stefano Rossoni   vedi letture
Alessio Castellini, il giovane leader del Catania
© foto di Facebook: Catania FC

Dopo ben cinque partite senza vittoria in campionato, il Catania torna finalmente a conquistare i tre punti e lo fa in una gara tutt'altro che scontata: la sfida alla Juve Stabia, prima in classifica. La doppietta di Alessio Castellini permette così ai siciliani di portarsi al tredicesimo posto nel girone C, rimanendo a +6 sulla Turris. 

Quattro gol in questa stagione per il difensore cresciuto nelle giovanili del Brescia e diventato, a tutti gli effetti, un giocatore del Catania nell'estate 2022. Conquista insieme ai propri compagni la promozione in C, vincendo con merito il campionato di Serie D, mentre quest'anno sta lottando per mantenere la categoria e, perchè no, strizzare l'occhio verso una qualificazione ai play-off, che vede attualmente il Giugliano distante cinque punti. 

Alla sua prima avventura in un campionato professionistico, Castellini sta confermando quanto di buono dimostrato nelle varie formazioni Under delle Rondinelle, tra cui spiccano le 52 presenze con la Primavera. È sempre stato un leader del gruppo di Gustavo Aragolaza, che andò vicino a qualificarsi alla "finale play-off" eliminando prima la Lazio ai quarti, ma rimediando poi una sconfitta dal Frosinone in semifinale. Da menzionare, inoltre, il cammino positivo con la Rappresentativa LND durante lo scorso Torneo di Viareggio, dove la squadra raggiunse addirittura i quarti di finale della competizione.

Non era semplice militare in un club "storico", e soprattutto con una piazza così calda, a soli 20 anni, eppure Castellini ha dimostrato fin dal suo approdo a Catania grande personalità, disputando 36 gare tutte da titolare e venendo sostituito solamente in due occasioni. A dimostrazione di quanto, staff tecnico e tutta la società in generale, abbiano sempre creduto nelle sue potenzialità. Un difensore di ottima prospettiva, che può giocare sia come centrale che da terzino su entrambe le fasce, proprio come evidenziato anche nella stagione in corso. Dotato di un buon bagaglio tecnico, si è sempre incaricato (durante questi anni) dei calci di punizioni della squadra, risultando preciso nelle conclusioni in porta e nei suggerimenti ai compagni. Dal punto di vista fisico, possiede una struttura e una muscolatura già notevolmente sviluppate, che lo agevolano senza dubbio in determinate situazioni, come ad esempio i duelli con gli avversari.

Un'ultima curiosità: come si può intuire dal cognome, Alessio è nipote di Paolo Castellini, ex calciatore professionista con più di 200 partite in Serie A e che può vantare ben 6 presenze in Champions League con le maglie di Roma e Betis Siviglia. Qualche consiglio allo zio, quindi, dovrebbe averlo strappato...