L'Atalanta non sbaglia più un colpo. Esordio in Serie A per Mendicino

Il centrocampista nerazzurro è subentrato a Ederson nei minuti finali contro la Lazio. Seconda presenza in Prima Squadra dopo la trasferta in Europa League.
05.02.2024 14:00 di Stefano Rossoni   vedi letture
©️Instagram/leonardo__mendicino
©️Instagram/leonardo__mendicino

L'Atalanta viaggia a pieno ritmo verso la Champions League. Terza vittoria consecutiva in campionato, quarta se si considera il passaggio del turno ottenuto in Coppa Italia contro il Milan. Dopo l'1-0 di Bologna poco prima di Natale, che aveva lasciato più di qualche perplessità, ora la squadra di Gasperini pare veramente inarrestabile, a livello di gioco espresso ma anche dal punto di vista delle prestazioni dei singoli, su tutti (chiaramente) quelle di Charles De Ketelaere. 

Momento d'oro, dunque, per la Dea, che tra le tante note liete dell'ultimo periodo può vantarne una anche in chiave LGI. Nei minuti finali contro la Lazio, infatti, ha debuttato in Serie A Leonardo Mendicino, centrocampista classe 2006 considerato, da molti, come uno dei migliori profili del settore giovanile nerazzurro. Non si tratta del suo esordio in assoluto con la Prima Squadra, in quanto aveva già preso parte alla trasferta in Polonia per l'ultima giornata dei gironi di Europa League.  

In questa prima metà di stagione, Mendicino è stato aggregato all'Under 23 che sta disputando, per la prima volta, il campionato di Serie C: 10 presenze fin qui, tra cui l'unica in Coppa Italia, dove l'Atalanta è stata subito eliminata dal Lumezzane. Qualche presenza anche in Primavera, in particolar modo nelle gare più importanti: Milan, Inter e Roma, tutte nella parte alta della classifica. Un solo gol realizzato, non con la maglia nerazzurra bensì con quella... azzurra, ovvero dell'Italia Under 18: è andato a segno, infatti, nell'amichevole dello scorso novembre contro la Romania.

Un profilo che noi di LGI conosciamo bene, sia perchè lo seguiamo ormai da diversi anni (sempre con estrema attenzione...), sia perchè è stato protagonista del nostro Almanacco, proprio come nell'ultima edizione. Ve lo abbiamo raccontato a livello tecnico, tattico, fisico ma anche "umano", con le parole di chi l'ha conosciuto fin dai primi anni al Renate, vale a dire Stefano Casiraghi, ex Responsabile dell'Attività di Base. Un racconto tutt'altro che banale, che vi invitiamo ad andare leggere proprio nella sezione dedicata ai migliori profili dell'annata 2006.  

I nostri complimenti vanno dunque a Leonardo, con l'augurio che questa possa diventare la prima di tante altre apparizioni nella massima categoria.