Identità, singoli ed organizzazione, così l’Avellino è in testa al Girone B

La formazione di Biancolino gioca una gara in cui dà una grande dimostrazione di forza che legittima il primato al di là della sconfitta.
01.12.2023 18:00 di Rosario Buccarella   vedi letture
Identità, singoli ed organizzazione, così l’Avellino è in testa al Girone B
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Come mantenere il morale alto dopo aver perso uno scontro diretto? Guardando all’ottima prova di squadra, ad esempio. Proprio questo dovrà il punto di ripartenza per la Primavera dell’Avellino incominciando da domani quando riceverà al Partenio la Fermana. I ragazzi di Raffaele Biancolino sono infatti reduci dal ko di Francavilla Fontana contro la Virtus, prima inseguitrice in classifica, che ha così ridotto a 5 punti il gap dalla vetta.

Gli irpini si sono presentati allo scontro diretto con l’impressionante rullino di marcia di 8 successi in altrettante gare, score legittimato, al netto del risultato ottenuto, dal calcio espresso in una gara d’importanza capitale. Gli automatismi nel costruire gioco e produrre con facilità occasioni da gol sono stati l’aspetto ad aver rubato l’occhio da parte di una squadra molto ben messa in campo con un fluido 4-3-1-2. Anche le individualità sono di tutto rispetto (basti pensare a Simone Accetta ed Alessandro Campanile reduci da un’esperienza in Primavera 1 con l’Udinese nella stagione passata) e solo l’estremo difensore avversario Carretta, insieme ad un po’ di imprecisione negli ultimi sedici metri (oltre a due sfortunati legni), hanno impedito agli ospiti di trovare la via del gol.

Da mettere in risalto c’è infine anche l’ottima condizione psico-fisica dell’Avellino: grande freschezza atletica da parte di tutti i ragazzi scesi in campo che, probabilmente anche forti del fatto di aver sempre ottenuto il massimo risultato, hanno evidenziato una certa personalità nelle scelte di gioco. Pochissimi palloni buttati via, iniziative prese dai singoli per creare la superiorità numeri e schemi ottimamente realizzati sono le armi con cui questa squadra ha costruito il suo primato nel Girone B di Primavera 3, comandato tutt’ora con pieno merito.  

Resta da capire ora quale sarà la reazione al primo passo falso, non tanto in termini di risultato, quanto sul piano delle certezze. Se queste non dovessero essere minate dal primo ko stagionale, continuando a sciorinare questo mix di buon calcio, atteggiamento e personalità, questo stop verrà certamente minimizzato da una squadra che ha ampiamente dimostrato di poter puntare in alto.