È Alexandru Siman l'MVPlayer LGI di Cagliari-Milan, sesta giornata

Al Comunale Bascus Argius di Uta, il Milan piega 3-2 un bel Cagliari rimasto in inferiorità numerica per oltre 45 minuti.
23.10.2023 16:00 di Carlo Fanni   vedi letture
È Alexandru Siman l'MVPlayer LGI di Cagliari-Milan, sesta giornata

Inevitabilmente se fai due gol, tra cui quello decisivo all’ultimo minuto, non puoi che essere il migliore in campo. Alexandru Siman, arrivato a gennaio dai rumeni dello Sportul Studentesc, in poco tempo è già riuscito a ritagliarsi un ruolo importante all’interno del gruppo. In questa gara, infatti, ha avuto l’onore e l’onere di indossare la fascia da capitano. Prova da leader e di qualità dell’esterno destro numero 10 che, ogni volta che toccava palla riusciva sempre a creare qualcosa di pericoloso. Il primo gol arriva al 44’, dopo il rigore parato da Sarno, la sfera finisce sulla testa di Siman, che è il più lesto e la scaraventa in rete. Il secondo arriva invece agli sgoccioli della gara, su un contropiede ben condotto sulla fascia sinistra dal neoentrato Martinazzi che, arrivato sulla linea di fondo, mette in mezzo un cioccolatino che il rumeno scarta alla perfezione, regalando il successo ai suoi. Una vera e propria beffa per i sardi che poco prima, con Trepy, hanno assaporato l’impresa, con il portiere Colzani bravissimo a negargli la gioia del gol. 

C'è però da dire che nell’arco dei 90 minuti più recupero è il Cagliari di mister Bellucci ad aver creato più occasioni: una sconfitta immeritata e giocando per un tempo con un uomo in meno, fattore che sicuramente ha influito ma che non ha impedito al Cagliari di compiere una seconda frazione di assoluto livello, gettando il cuore oltre l’ostacolo. A fare la voce grossa tra i padroni di casa è il solito Samuel Ardau, giocatore che fa sempre la differenza, questa volta autore di un assist e di un gol, oltre che di tantissime giocate che hanno creato grossi grattacapi al centrocampo e retroguardia milanista.  

Grande rammarico per il Cagliari, ma Bellucci deve essere orgoglioso della prestazione e del calcio che stanno offrendo i suoi ragazzi, ora alla seconda sconfitta stagionale. Per quanto riguarda il Milan, i ragazzi di Christian Terni ora possono guardare tutti dall’alto, pur con una partita in più del Verona.