La Sampdoria riparte grazie al gol di Daniele Ghilardi

Dopo un mese la Samp ritrova i tre punti grazie al gol del classe 2003
29.01.2024 18:30 di Mattia Baronio   vedi letture
La Sampdoria riparte grazie al gol di Daniele Ghilardi
© foto di Instagram/Sampdoria

La Sampdoria dopo più di un mese ritrova i tre punti al Tombolato di Cittadella in una partita affatto semplice. Cuore e grinta per la squadra di Andrea Pirlo dopo il gol di Pandolfi è riuscita a ribaltare il risultato, prima con Giordano ed infine con Ghilardi; il focus di oggi riguarda proprio quest’ultimo.

Daniele Ghilardi, presente nell'edizione 2023 dell'Almanacco LGI, è un classe 2003 e la sua carriera professionistica è iniziata nelle giovanili della Fiorentina, nella stagione 2021-2022 fu ceduto in prestito all’ Hellas Verona per disputare gli ultimi sei mesi in primavera, giocando tutte le partite e segnando due gol. Nello stesso anno vinse la Coppa Italia primavera e la Supercoppa primavera con la Fiorentina. Al termine della stagione fu acquistato a titolo definitivo dall’Hellas che decise di cederlo in prestito al Mantova in Serie C dove collezionò 25 presenze un gol e un assist. Arriviamo così a quest’anno nel quale Daniele si è trasferito alla Samp dove si è decisamente messo in mostra disputando tutte e 24 le partite tra Serie B e Coppa Italia saltando qualche minuto solamente nelle prime due giornate contro Ternana e Pisa, dopodiché è stato un elemento imprescindibile per la difesa di Pirlo che l’ha sempre messo in campo dal primo minuto mettendo sulle gambe quasi 2000 minuti, tra i primi in tutto il campionato. Riesce ad dare garanzie sia fisicamente(neanche un infortunio o un affaticamento fino ad oggi) e anche tatticamente (solamente 5 ammonizioni in 22 partite di campionato); non manca l’intelligenza e la personalità al ventunenne che riesce a maturare di partita in partita gestendo alla grande la propria difesa. Nell’ultima partita contro il Cittadella è arrivato il suo primo gol con la maglia blucerchiata, una rete pesantissima in una gara sulla carta molto complicata, assist perfetto di Depaoli e colpo di testa a botta sicura dove Kastrati non ha potuto nulla.

È arrivata così la sua consacrazione che ha permesso di far risalire in classifica la propria squadra dopo un periodo molto complicato, ma il lavoro non è affatto finito dato che in Serie B non esistono partite da prendere sotto gamba ed insieme ai suoi compagni ha il compito di ritrovare anche solidità in difesa, difatti sono sei partite consecutive che la Doria subisce gol, l’ultimo cleen sheet risale al 9 dicembre nel 2-0 in casa contro il Lecco.

All’orizzonte ci sono delle partite decisive in chiave playoff contro Modena, Pisa e Brescia con le quali nel girone di andata la squadra di Pirlo era riuscita a collezionare solo tre punti nel 0-2 al Braglia di Modena. Vedremo se questa vittoria avrà riacceso gli animi dei blucerchiati.