Luca Crecco, dall'esordio in A contro la Juve di Conte ai gol con il Latina

Il centrocampista cresciuto nelle giovanili della Lazio è andato a segno nell'ultima gara contro il Picerno.
27.03.2024 10:45 di Stefano Rossoni   vedi letture
Luca Crecco, dall'esordio in A contro la Juve di Conte ai gol con il Latina
TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico Gaetano

Il Latina prosegue la propria corsa verso i play-off. Dopo i buoni risultati ottenuti con Crotone e Messina, i nerazzurri si sono ripetuti nello scorso weekend battendo una squadra più avanti (rispetto a loro) in classifica, ovvero il Picerno. Ora gli uomini di Gaetano Fontana si ritrovano all'ottavo posto, a +5 dall'Audace Cerignola, attualmente undicesima.

Oggi vogliamo soffermarci su chi, nella gara contro il Picerno, si è rivelato decisivo ai fini del risultato. Stiamo parlando di Luca Crecco, centrocampista classe '95, andato a segno con un delizioso tiro a incrociare su cui Summa, portiere avversario, non ha potuto proprio nulla. Chi ci conosce da tempo sa che Crecco non è un volto sconosciuto a La Giovane Italia che, anzi, fu la prima a "raccontarlo" nel 2012, nell'edizione del proprio Almanacco. Non l'unica presenza sulle nostre pagine, considerato che ci sarebbe poi finito anche nel 2013 e 2014.

In quel periodo, il centrocampista ex Pescara e Ternana vestiva la maglia della Lazio, club con il quale si mette in mostra soprattutto in Primavera (vincendo campionato e Coppa Italia) e arriva inoltre a debuttare in Serie A: il 15 aprile 2013, infatti, scende in campo nell'ultima mezz'ora di gioco contro la Juventus di Conte per sostituire l'infortunato Ledesma. Oltre all'esordio con i bianconeri, collezionerà altre 4 presenze nelle stagioni successive, trovando pure la gioia del gol nel pirotecnico 6-2 con il Palermo. Da menzionare, infine, le numerose presenze con le Nazionali Under, soprattutto con Under 18 e Under 19. L'ultima gara in azzurro risale però ai tempi dell'Under 20, quando fu obbligato al cambio anticipato (causa infortunio) nell'amichevole contro la Svizzera.

Una carriera che, fin qui, ha regalato grandi momenti a Crecco, al quale auguriamo chiaramente di rivivere esperienze altrettanto importanti in un futuro... nemmeno così lontano.