La nostra visita a Francavilla, una società molto attenta allo sviluppo dei giovani

La proposta alla Lega Pro, un nuovo centro sportivo e tanto altro nelle importanti iniziative del presidente Magrì e di tutto il club biancazzurro.
01.02.2024 13:00 di Stefano Rossoni   vedi letture
©️Instagram/virtusfrancavilla
©️Instagram/virtusfrancavilla

Dopo ben sette partite senza vittoria, la Virtus Francavilla ha ritrovato il successo proprio nell'ultima giornata, battendo di misura il Foggia con la rete di Gabriele Artistico. Tre punti fondamentali per la squadra di mister Occhiuzzi, che raggiunge la Turris a quota 21 e si avvicina alla zona salvezza (-4) rappresentata proprio dai rossoneri, attualmente quindicesimi e sempre più in "crisi", considerate le quattro sconfitte consecutive.

Ottavo centro stagionale per Artistico, al suo secondo gol casalingo in questo mese dopo quello realizzato al Benevento. Un ex LGI del quale vi avevamo parlato già tempo fa, in occasione della gara contro la Turris, nella quale fu grande protagonista con due gol e un assist (qui il link per l'articolo completo: https://www.lagiovaneitalianews.it/serie-c/gabriele-artistico-e-il-nuovo-inizio-positivo-con-la-virtus-francavilla-25479). Presente in 3 edizioni del nostro Almanacco, dal 2018 al 2020, il riferimento è chiaramente alla sua avventura nel settore giovanile del Parma, dove riuscì a distinguersi a suon di gol e ottime prestazioni, meritando inoltre il debutto in Prima Squadra.

Una vittoria che possiamo definire tutt'altro che banale, sia per l'importanza in chiave classifica (che già citavamo in precedenza), sia per il "timing" con cui è avvenuta. Nei giorni precedenti all'incontro tra Virtus Francavilla e Foggia, La Giovane Italia è stata infatti ospite del club per presentare il proprio progetto. E possiamo dirlo, vedendo i risultati: la nostra visita ha portato bene!

I biancazzurri sono una società che, sulla valorizzazione dei giovani, sta puntando in maniera decisa. Il presidente Antonio Magrì ne è convinto: la mission della Serie C deve essere quella di scommettere sui ragazzi, soprattutto quelli provenienti dal proprio vivaio. Una volontà chiara, decisa, che noi da LGI non possiamo che apprezzare e portare avanti, convinti che questo sia un ottimo tassello per la "ripresa" del calcio italiano in termini prettamente giovanili. Ma non finisce qui. Perché è pronta anche un'importante proposta da portare in Lega, ovvero introdurre come regola quella di schierare (progressivamente) nella formazione titolare un numero minimo di giocatori cresciuti nel settore giovanile. Una svolta fondamentale per la Serie C, che condividiamo col presidente su quanto sia necessaria per dare rilevanza, ma soprattutto fiducia, alle nostre risorse. 

La volontà di puntare su questa linea verde la si intuisce anche dalle operazioni in entrata, con la dirigenza che va a "pescare" tanti ragazzi usciti dai settori di Serie A-B, certamente invogliati ad accettare una piazza come quella di Francavilla, in quanto liberi di esprimersi senza particolari pressioni. I giovani possono crescere senza alcuna fretta dettata da società o (come spesso capita) dal pubblico, che non rumoreggia ma anzi, aiuta e incoraggia a dare il massimo. Non solo, perché viene monitorato costantemente anche il mondo dei dilettanti, sempre in ambito giovanile. Portiamo gli esempi di Caporale e Partipilo, prelevati rispettivamente da Nardò e Bisceglie, diventati protagonisti in C e ora pedine importanti anche nelle squadre di B. Così come quello più attuale di Carretta, primo portiere della Primavera (nonché terzo della prima squadra), arrivato la scorsa estate dopo essersi messo in evidenza a Gallipoli nell'ultimo campionato di eccellenza pugliese.

Lo abbiamo detto: la Virtus Francavilla è un club che presta grande attenzione a queste dinamiche. Ne è un'ulteriore dimostrazione la volontà di costruire un nuovo centro sportivo, a pochi chilometri di distanza dallo stadio, che possa diventare a tutti gli effetti la "casa del settore giovanile". E a dire la verità, ci sono novità anche sullo stadio, che è stato deciso di "ammodernare", e ora è un vero e proprio gioiello del territorio.

Chiudiamo con l'immagine forse più bella di tutte. Quella che vedete in prima pagina è la foto di Antonio Magrì insieme a Gianmarco Baglivo, centrocampista classe 2007 dell'Under 17 biancazzurra, che è stato convocato recentemente dalla Rappresentativa di Lega Pro. Il presidente ha accompagnato personalmente il ragazzo all'amichevole in programma contro la Fiorentina al Viola Park, gara dove ha segnato addirittura una rete di pregevole fattura. Una testimonianza importante (l'ennesima!) di quanto questa società sia attenta e vicina allo sviluppo del calcio giovanile.